gazzettaGranata

“La mia capretta si chiama Messi, il mio gallo… Belotti”: la nuova vita di Chevanton

“La mia capretta si chiama Messi, il mio gallo… Belotti”: la nuova vita di Chevanton

L’ex attaccante del Lecce vive in campagna, alleva animali che chiama come calciatori, coltiva zucchine, meloni e pomodori e racconta a Sportweek di come si è salvato dalla depressione: “Non avevo più voglia di vivere, questo posto mi ha rigenerato”

L'ex attaccante del Lecce vive in campagna, alleva animali che chiama come calciatori, coltiva zucchine, meloni e pomodori e racconta a Sportweek di come si è salvato dalla depressione: "Non avevo più voglia di vivere, questo posto mi ha rigenerato"

Seguici sui nostri social

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com