gazzettaGranata.com | tutte le ultime notizie sul Torino FC | gazzettaGranata | calciomercato notizie torino calcio

Torino, il Covid e i giocatori immuni: l’analisi di Giampaolo è cinica ma concreta

Nella giornata di ieri sono stati riscontrati tre nuovi casi di Covid-19 in casa Torino. Un argomento che rimane di estrema attualità, visto l'andamento in tutto il Paese e di conseguenza anche in Serie A. Nella conferenza stampa per presentare la partita contro il Cagliari ne ha parlato anche Marco Giampaolo, che ha dato una sua visione cinica, ma non certo insensata, della situazione nel mondo calcistico. Il discorso aveva finalità puramente tecniche, per far capire la differenza tra chi ha avuto tanti casi e chi pochi: "Ci sono squadre che su trenta calciatori hanno già il novanta per cento che ha avuto il problema Covid, da noi solo tre, quindi potenzialmente siamo sempre a rischio di perdere i calciatori". IMMUNI - Ragionamenti sacrosanti per un allenatore che deve gestire una stagione che è già molto tribolata ma che le istituzioni calcistiche - e anche il presidente granata Cairo è d'accordo su questo - faranno di tutto per portare in fondo. L'immunità di buona parte del gruppo squadra potrebbe essere un vantaggio considerevole. Anche se non è scontato che una volta contratto il virus l'immunità sia duratura. Scientificamente non è ancora stato provato che l'immunoglobulina G anti-covid - il principale tipo di anticorpo presente nel sangue e nel fluido extracellulare che permette di controllare l'infezione dei tessuti corporei - non sia a lungo termine. Ci sono stati dei casi di ri-infezione, ma per fortuna sono molto rari. Il professor Massimo Galli, infettivologo dell'ospedale "Sacco" di Milano, ieri ha scritto in un tweet che "Sono due i casi provati al mondo di re-infezione, in cui la seconda infezione è stata però mite o asintomatica. In entrambi i casi il ceppo virale era tanto diverso dal precedente da escludere un’infezione unica persistente nel tempo". VANTAGGIO - Per questo motivo avere molti giocatori immuni al momento è un vantaggio non secondario. Giampaolo ha riportato il caso del Genoa, al cui interno è scoppiato un focolaio che ha coinvolto una ventina di elementi (e per questo motivo il club rossoblù ha ottenuto il rinvio della gara del 3 ottobre contro il Torino, giocandosi quel "bonus" stagionale che il protocollo prevede). Quello del Covid-19 è chiaramente un rischio da tenere in considerazione e potrebbe colpire chiunque e in qualsiasi momento. Man mano che la stagione andrà avanti i casi potrebbero aumentare, ma allo stesso tempo aumenterà anche il peso delle partite e il numero di assenti dipenderà anche - e non solo visto che rimane comunque la possibilità infortuni - dal Covid-19. L'unica certezza che ha il tecnico è che col tempo dovrà fare di necessità virtù, perché: "dobbiamo adeguarci al fatto che lo spettacolo che deve andare avanti".L'articolo Torino, il Covid e i giocatori immuni: l’analisi di Giampaolo è cinica ma concreta sembra essere il primo su Toro News.
LEGGI LA NOTIZIA COMPLETA SU Toronews.net