gazzettaGranata.com | tutte le ultime notizie sul Torino FC | gazzettaGranata | calciomercato notizie torino calcio

Live – Mazzarri pre Torino-Milan: “I commenti positivi di Genova? Io difendo i giocatori”

Cari amici di Toro News, eccoci collegati in diretta dalla sala conferenze dello stadio Olimpico-Grande Torino, dove alle 14.45 in punto inizierà la conferenza stampa di Walter Mazzarri alla vigilia di Torino-Milan. I granata, reduci dal tonfo esterno con la Sampdoria, cercano il pronto riscatto tra le mura amiche, con i rossoneri che arrivano al match dopo la sconfitta nel Derby con l'Inter. Il tecnico è arrivato in sala stampa, a breve il via della conferenza. Via alle domande. Si gioca quattro giorni dopo Marassi. Un bene o un male? "Alcuni allenatori dicono che è meglio giocare subito per rifarsi, io invece preferisco sempre avere una settimana tipo a disposizione, per lavorare al meglio su fase difensiva e fase offensiva. Ma la situazione è questa per tutti, quindi va bene così, faremo di necessità virtù, lavorando con più fretta ma con la stessa attenzione". Lei dopo la partita contro la Sampdoria ha parlato di miglioramenti, di passi avanti rispetto al Lecce. Una disamina che le ha attirato delle critiche. Vuole precisare il concetto espresso a Genova? "Io un po' di esperienza ce l'ho, mi preparo sempre anche prima di venire a parlare in conferenza stampa. E quando parlo cerco di essere supportato dai dati. Se ho detto quello è perchè i dati erano incoraggianti. E se parliamo di prestazione confermo quello che ho detto. Poi è chiaro che tutti tengono ai risultati. E a Genova il risultato è maturato grazie a degli episodi. Su questo c'è sicuramente da lavorare. Ma la prestazione c'era, per come ci eravamo difesi, per come uscivamo con la palla fino alla trequarti. Io devo dare morale ai giocatori. Rispetto al Lecce ci sono stati dei miglioramenti sulla pressione, sull'aggressività, sulla difesa. Quando poi ci sono delle cose da migliorare, si va nello spogliatoio e glielo si dice. Ma i giocatori vanno protetti, per questo a volte dicono che io cerco scuse. Vanno protetti dagli attacchi che a volte sono ingiusti. Io sono sempre dalla parte dei miei giocatori che sbagliano in buona fede. Quando invece vedo che qualcuno fa il lavativo sono il primo a non convocarlo". Apriamo il capitolo arbitri: conferma che nella sua visuale il risultato di Genova è maturato per un fallo su Lyanco? Teme che gli errori arbitrali possano tornare a influire come successo l'anno scorso? "Io ho commentato quell'episodio dicendo che era un errore clamoroso. In tanti mi hanno irriso, su internet ho letto cose inaudite, gente che si nasconde dietro un nickname per offendere, è di moda l'offesa, come anche è successo ad Ancelotti a Firenze. Poi però le immagini hanno confermato che il contatto di Gabbiadini su Lyanco c'era. Allora perchè è così difficile dire che il gol è arrivato per un errore arbitrale? Io faccio il professionista e devo rimanere lucido. Cerchiamo allora di dire la verità, che il gol non è colpa di Lyanco. Poi lui deve migliorare, ogni tanto va a terra troppo facilmente, ma non è quello il caso. Invece ho letto anche da parte dei giornalisti pressappochismo, da chi ha attaccato il giocatore ingiustamente". Ancora Mazzarri: "C'è questa cosa di internet e dei social che permette di offendere nascondendosi dietro un pc. Io però sono convinto che i tifosi del Toro conoscono il nostro impegno e il nostro lavoro. Su internet leggi delle cose e poi non sai nemmeno chi l'ha detta. Almeno voi giornalisti ci mettete la faccia e la firma, se c'è qualcosa che non va ve lo posso dire. Invece leggi su internet offese, attacchi, che non sai nemmeno da che parte arrivano. Detto questo, noi siamo professionisti e dobbiamo rimanere lucidi. Se qualcuno perde umiltà devo essere pronto a riprenderlo. L'unico che non perde umiltà sono io, che cerco di vedere sempre i pericoli. Poi, come ha detto Conte, al 95' siamo tutti bravi a dire che doveva giocare questo o quello. Peccato che a Genova, nonostante avessimo nel finale quattro attaccanti, il gol non è arrivato". Giocherà Verdi? "Lui è uno dei giocatori più pagati della storia del Torino. Vedremo cosa farà, ma non è Maradona, con tutto il rispetto, non è che deve risolvere lui da solo tutti i problemi. E poi quando non stai al 100 per 100 fisicamente, è chiaro che si soffre. Tutte le partite sono equilibrate, si prevale solo se si curano tutte le componenti. Verdi il Napoli lo ha preso che era nel Bologna, una squadra che si doveva salvare in cui è stato protagonista. Qui si alza il livello delle ambizioni. I ragazzi vanno fatti crescere, vanno aiutati da chi gli vuol bene. Non ci deve essere disfattismo, basta una partita e arrivano critiche. Per dire, dopo le due partite che si sono fatte e si è perso, che dovrei dire dei due punti che avremmo potuto avere ma sono stati tolti da decisioni arbitrali? Noi non cerchiamo alibi, poi qualche ben pensante potrebbe dire che si danno alibi ai giocatori. Io non parlo mai degli arbitri con i giocatori. Loro devono pensare a se stessi e basta. Noi siamo i primi ad accusarci quando le cose non vanno, come successo col Lecce. Con la Sampdoria ho detto altre cose, perchè dovevo dare morale ai giocatori, quando hai le orecchie basse è difficile rialzare. Un allenatore invece deve andare controcorrente. Ognuno deve avere il proprio ruolo. Ristabiliamo certe cose, che poi uno se le dimentica".   L'articolo Live – Mazzarri pre Torino-Milan: “I commenti positivi di Genova? Io difendo i giocatori” sembra essere il primo su Toro News.
LEGGI LA NOTIZIA COMPLETA SU Toronews.net