gazzettaGranata.com | tutte le ultime notizie sul Torino FC | gazzettaGranata | calciomercato notizie torino calcio

Europa League, Wolverhampton-Torino 2-1: Belotti non basta, granata eliminati

LA PARTITA Non è impresa facile per il Torino andare a vincere allo stadio Molineux, con la consapevolezza che un successo con un gol di scarto non basterebbe (dopo il ko per 3-2 all'andata). I granata si presentano però sul campo del Wolverhampton con il piglio di chi ci vuole provare. E così nei primi 20 minuti sono proprio gli uomini di Mazzarri a provare a fare la partita, ma i Wolves sono squadra che sa difendersi senza andare in agitazione e che poi quando trova spazi in contropiede sa fare paura. Il match ideale, insomma, per i padroni di casa, che non si scompongono di fronte all'inizio volitivo ma poco efficace del Torino. E così l'iniziativa personale di Ola Aina, la punizione di Baselli e la girata dal limite di Rincon non hanno fortuna. Lukic cerca di non far passare uno spillo in mediana, De Silvestri macina chilometri sulla destra. Il Wolverhampton, però, come detto fa paura quando accelera: succede una prima volta al 24', quando Traoré semina Aina e va al tu per tu contro Sirigu che in scivolata respinge il suo tiro. Succede soprattutto al 30': il solito Traoré scappa a destra, sfugge a Aina e Lukic (molle nel raddoppio) e quindi crossa sul primo palo. Qui Raul Jimenez beffa in un solo colpo Bonifazi, Bremer e anche Sirigu, con una girata da posizione impossibile che porta in vantaggio i Wolves. Il Torino non intende smettere di crederci: così prima dell'intervallo De Silvestri mette uno splendido pallone sulla testa di Zaza, che è debole nella conclusione. A inizio ripresa è invece Baselli a costringere Rui Patricio a smanacciargli in corner un'altra insidiosa punizione. E proprio da fermo lo stesso Baselli trova l'inserimento di Belotti per il colpo di testa che sembra riaprire tutto al 58'. La speranza granata dura però solo una manciata di secondi, perché già al 59' Diogo Jota si presenta dall'altra parte dopo aver superato in dribbling tre difensori e tira a botta sicura. Sirigu respinge, ma sul pallone piomba Dendoncker: il suo colpo di biliardo bacia il palo e si infila in rete, ma anche in questo caso le responsabilità di Bremer e Aina (che gli permettono di arrivare indisturbato sul pallone) sono evidenti. Il gol di fatto anestetizza per quasi mezz'ora la partita: gli ingressi di Berenguer e Meité non cambiano la sostanza di un Torino che sembra non crederci più, e a un quarto d'ora dalla fine arriva addirittura il torello del Wolverhampton. Il cuore granata è però inesauribile, e il Torino negli ultimi cinque minuti crea almeno due limpide occasioni da gol: la mira di Meité e Belotti è però sbagliata. C'è anche un tentativo di rovesciata di Zaza e un tentativo di slalom del giovane Millico. Non basta: il Toro è fuori dall'Europa. A testa alta, ma consapevole che se qualche episodio fosse girato diversamente, il finale sarebbe stato un altro. IL TABELLINO   WOLVERHAMPTON-TORINO 2-1 Wolverhampton (3-5-2): Rui Patricio 6,5; Vallejo 6, Boly 6,5, Coady 6,5; Jonny 6,5, Joao Moutinho 7 (45' st Ruben Neves sv), Saiss 6, Dendoncker 7, Traoré 7,5; Diogo Jota 7(36' st Cutrone sv), Raul Jimenez 7,5 (47' st Pedro Neto sv). A disp.: Ruddy, Bennett, Vinagre, Gibbs-White. All.: Espirito Santo 6,5. Torino (3-5-2): Sirigu 6; Izzo 6, Bremer 5,5, Bonifazi 5; De Silvestri 6, Baselli 6, Rincon 5,5 (27' st Meité 6), Lukic 5,5, Ola Aina 5 (25' st Berenguer 5,5); Belotti 6,5, Zaza 6 (37' st Millico sv). A disp.: Rosati, Djidji, Singo, Parigini. All.: Mazzarri 5,5. Arbitro: Jesus Gil Manzano (Spagna) Marcatori: 30' pt Raul Jimenez (W), 13' st Belotti (T), 14' st Dendoncker (W) Ammoniti: Jonny (W); Baselli, Lukic, Bremer (T) Espulsi: -
LEGGI LA NOTIZIA COMPLETA SU Sportmediaset.it