gazzettaGranata.com | tutte le ultime notizie sul Torino FC | gazzettaGranata | calciomercato notizie torino calcio

Europa League, Torino-Shakhtyor Soligorsk 5-0: festa granata e messaggio al Wolverhampton

Certamente i vecchi lupi del calcio inglese avevano mandato un messaggio importante con quella quaterna a Jerevan sul malcapitato Pyunik, ma a un Wolverhampton che mostra i muscoli (4-0: due gol per tempo, doppietta di Raul Jimenez, mezz'ora con assist per Patrick Cutrone) risponde un Toro tirato a lucido. E che addirittura può rimproverarsi qualcosa dopo un 5-0 casalingo, visto il blackout mentale collettivo di inizio ripresa: una sorta di "quarto d'ora granata al contrario", cui fa però seguito un finale che potrà permettere a Walter Mazzarri di concentrarsi già sulla vera sfida da tutto per tutto: quella con i lupi inglesi di cui sopra. Il Torino parte subito fortissimo e nel giro di meno di un quarto d'ora segna già due gol. Il primo arriva dopo un minuto e 10 secondi ed è firmato dal Gallo Belotti, che trova un terzo tempo perfetto sulla punizione di Baselli e di testa porta subito in vantaggio i granata. Un Torino intenso e velocissimo insiste, e si mette in mostra in particolare un ritrovato Simone Zaza. Proprio lui si procura il corner che al 13' vale il raddoppio, grazie all'incornata di Izzo che conferma la superiorità aerea del Toro. Il difensore campano poi esulta indicando il cielo, ricordo di un papà che non c'è più. Il Torino rimane ispiratissimo, tanto che su una ripartenza Belotti viene steso non lontano dall'area, ma sul pallone piomba Zaza che prova subito la conclusione. Nel prosieguo del primo tempo però i padroni di casa diminuiscono la pressione, scatenando la rabbia di Mazzarri in panchina e anche di Sirigu, che al 35' vede lo Shakhtyor palleggiare a piacimento dentro l'area e Rybak provare un assurdo cucchiaio a porta spalancata, dopo aver messo a sedere Izzo. La ripresa si apre con lo stesso tema tattico: Torino a controllare al piccolo trotto e i volenterosi bielorussi che ci provano. Dopo una lunga azione di squadra è quindi Sachivko a essere fermato dalla bandierina dell'arbitro, con Sirigu talmente furibondo da sferrare un calcio al palo. I compagni capiscono che è giunto il momento di accelerare e dilagano: a guidare la carica è ancora Zaza, ma a far saltare il banco è Berenguer che sfida in area Rybak e si prende il fallo. Inevitabile il rigore, che Belotti trasforma al 63'. Il terzo gol sblocca mentalmente il Torino e contemporaneamente demolisce la resistenza degli ospiti, che non riescono più in alcun modo a contenere la furia granata: così al 72' Klimovich para su Zaza ma nulla può sul tap-in di De Silvestri, che segna aiutato anche da un rimpallo su Antic. E al 76' c'è gloria anche per Bonifazi, ottimo in difesa al posto dell'acciaccato Izzo e che va in rete sfuttando una palla vagante in area dopo tiro di Belotti. Manca solo il gol di Zaza, che non arriva. E il Toro si "accontenta" di un poker, salutando il suo pubblico in una notte di gloria. Nella consapevolezza, però, che i lupi arriveranno più avanti. IL TABELLINO TORINO-SHAKHTYOR SALIHORSK 5-0 Torino (3-5-2): Sirigu 7; Izzo 6,5 (1' st Bonifazi 7), Nkoulou 6 (40' st Singo sv), Bremer 6; De Silvestri 7, Meite 7, Baselli 7,5, Berenguer 7 (32' st Rincon sv), Ansaldi 6,5; Zaza 7, Belotti 7,5. A disp.: Rosati, Lukic, Millico, Rauti. All.: Mazzarri 7,5. Shakhtyor Soligorsk (4-4-2): Klimovich 5; Burko 5,5, Matveichik 5, Rybak 4,5, Antic 5; Sachivko 6, Ebong 5,5, Khadarkevich 5 (22' st Yanush), Balanovich 5,5 (29' st Khavaschinski sv); Kovalev 5, Bakaj 5,5 (34' st Visnakovs sv). A disp.: Chesnovski, Llullaku, Lambulic, Bodul. All.: Tashunev 4,5. Arbitro: Stefanski (Polonia) Marcatori: 2' Belotti, 15' Izzo, 18' st rig. Belotti, 27' st De Silvestri, 31' st Bonifazi Ammoniti: Bremer (T); Ebong (D) Espulsi: -
LEGGI LA NOTIZIA COMPLETA SU Sportmediaset.it