gazzettaGranata.com | tutte le ultime notizie sul Torino FC | gazzettaGranata | calciomercato notizie torino calcio

Cairo, 15 anni da presidente: “L’obiettivo è sempre il bene del Torino”

Urbano Cairo è il secondo presidente più longevo della storia del Torino. L'attuale patron compie infatti oggi il 15° anno alla guida del club granata. Davanti a lui ora, solo Orfeo Pianelli. In occasione di questo anniversario, Cairo ha rilasciato a La Gazzetta dello Sport un'intervista in cui ripercorre la strada fatta, i successi, gli errori commessi e traccia la linea per il futuro della società di Via Arcivescovado. Tornando indietro con la memoria, Cairo ha raccontato cosa avvenne nei giorni precedenti al suo investitura nei panni di presidente. Sono tre i momenti indelebili per il patron: "Il primo è quando in fase di negoziazione nella stanza dell’assessore mi sono affacciato alla finestra e ho sentito una ovazione di centinaia di tifosi che mi invitavano a prendere, ma sarebbe meglio dire salvare, il Torino. Il secondo quando alle tre del mattino, dopo una delle tante giornate forsennate prima dell’acquisizione mi sono fermato su una panchina davanti a Palazzo di città con dei tifosi granata a parlare del Toro. Non ero ancora presidente ma ho provato quella sensazione magnifica che ti trasmette il tifo e la passione per i colori della tua squadra facendoti sentire vicine persone che neanche conosci. La terza quando il portavoce del Sindaco ha annunciato che sarei stato il prossimo presidente del Torino e c’è stato un boato e un’ovazione che ancora oggi mi fa venire i brividi". LEGGI ANCHE: Cairo: “Non rimarrò a vita, ma cederò il Toro solo a uno migliore di me” Quella del Toro poi, è una storia diversa da tutti i club italiani e quasi unica al mondo, un'eredità non facile con cui convivere, ma che Cairo ha specificato di non sentire come un fardello, anzi: "Non lo definirei un peso. E’ piuttosto una responsabilità e uno stimolo a essere degni di quel passato, onorandolo con il ricordo e col massimo impegno per incarnare i valori del Toro". Dopo 15 anni di presidenza, Cario ha tratto ancora una volta un bilancio: "Ci sono state 3 stagioni negative. Quella del 2008-2009 quando retrocedemmo, quella del 2010-11 quando non andammo nemmeno ai playoff, e l’ultima stagione in cui speravo pagasse il non aver toccato la squadra convinto che con un paio di innesti sarebbe salita ancora più su in classifica". Ma oltre ai passi falsi, il patron granata riconosce alla società, alla squadra e a quanti hanno concorso per il bene del Torino i successi raggiunti: "Ci sono state anche cinque stagioni molto positive: le due promozioni, le due stagioni al settimo posto con accesso all’Europa League, quella in cui abbiamo raggiunto gli ottavi di finale". LEGGI ANCHE: Serie A, il calciomercato inizia ufficialmente: il Torino è già il quinto club per spese Il Toro, sotto la presidenza Cairo, ha visto avvicendarsi 13 allenatori, ma con Ventura - artefice del ritorno in Serie A nella stagione 2011/2012 - c'è stata la svolta, come conferma il patron: "Abbiamo instaurato un rapporto personale e professionale molto forte e intenso. Mi ha aiutato a capire meglio il calcio. Con lui ho investito di più sui giovani - racconta Cairo che poi spiega - Un ciclo importante, gli devo forse l’emozione più grande: la vittoria a Bilbao in Europa League". Cairo ha poi parlato dei giocatori e ha espresso il suo apprezzamento riguardo Belotti, simbolo della storia recente granata: "Per quello che ha dato non solo come rendimento e gol ma come atteggiamento, generosità, valori. E' un sempio per i compagni, idolo per i tifosi, ispirazione per i giovani del vivaio".  LEGGI ANCHE: Torino, dal 2005 al 2020: 15 anni di presidenza Cairo in numeri Il presidente granata ha poi concluso parlando del nuovo ciclo iniziato con Marco Giampaolo e dela fiducia riposta nel tecnico: "Ho sensazioni molto positive, ma diamogli tempo. Certamente ogni volta che ci parlo mi dice qualcosa che mi sorprende, con una chiave di lettura originale e interessante che dimostra come sia davvero un grande conoscitore di calcio" Infine l'augurio rivolto a se stesso: "Riuscire attraverso questo nuovo ciclo a dare gioia ai tifosi e a togliermi ancora qualche soddisfazione come presidente. Sperando che questi anni alla guida del Torino siano giudicati con maggiore serenità. Tante cose positive sono state fatte, tante altre vorrei realizzarne. Ho sempre avuto un unico obiettivo: il bene del Toro". L'articolo Cairo, 15 anni da presidente: “L’obiettivo è sempre il bene del Torino” sembra essere il primo su Toro News.

LEGGI LA NOTIZIA COMPLETA SU Toronews.net